blankUn’astronave realizzata in Cina e di tipo sperimentale è finalmente tornata sulla Terra dopo un misterioso malfunzionamento.

Questa navicella spaziale è sperimentale in quanto fa parte di una missione ancora in fase iniziale che mira ad aumentare la presenza di Pechino e della Cina nello spazio. La sua versione della Stazione Spaziale Internazionale fa parte dei piani. L’astronave è stata lanciata martedì da una nuova base di lancio, chiamata Long March 5B, sull’isola di Hainan.

La navicella è stata per un po’ nello spazio, prima di cadere nell’atmosfera e rientrare in Cina come previsto, secondo le affermazioni dei media locali. Ma la sua missione era stata interrotta da un misterioso malfunzionamento. Una “capsula di ritorno del carico flessibile e gonfiabile” è stata testata durante il lancio ed è tornata sulla Terra prima della navicella. La Cina non ha fornito ulteriori informazioni. La China Manned Space Agency ha dichiarato solo che l’astronave ha funzionato in modo anomalo durante il rientro. I dati sono ancora in fase di analisi.

Capsula torna sulla Terra, astronave colpita da uno strano malfunzionamento

Secondo quanto riferito, la strana capsula è stata realizzata per testare cosa è possibile trasportare nello spazio. Si dice che sia un miglioramento della capsula Shenzhou basata sul modello Soyuz dell’ex Unione Sovietica. Tra l’altro, può trasportare sei astronauti anziché tre. La Cina sta quindi lavorando a una stazione orbitante permanente dopo i problemi con la Stazione Spaziale Internazionale, in gran parte a causa delle obiezioni degli USA.

Pechino prevede quattro missioni con equipaggio e quattro missioni cargo per completare una stazione spaziale permanente entro due anni. Il fiorente programma spaziale cinese ha raggiunto un traguardo sbarcando sul lato in gran parte inesplorato della luna l’anno scorso. Inoltre, prevede spedizioni su Marte. Il programma si è sviluppato rapidamente, in particolar modo dopo la prima missione con equipaggio nel 2003.