facebook-iphone-problemi-applicazioni

Nella serata di ieri, mercoledì 6 maggio, gli iPhone di Apple sono andati incontro a qualcosa di particolare. Molte applicazioni sembravano aver smesso di funzionare o rallentare in modo molto pesante. Tra le tante coinvolte ce n’erano molte importanti e molto utilizzate come Spotify, TikTok e Tinder. Il colpevole apparente di tutto questo inconveniente è Facebook.

Cosa c’entra Facebook in tutto questo? C’entra con l’effettivo SDK il quale è usato da molti sviluppatori per poter sfruttare in modo più efficace le pubblicità e altri aspetti spesso odiati dall’utente finale. Alcune app, come Spotify, sono già riuscite a sistemare il problema che si è creato sugli iPhone, ma altre, come TikTok, no

 

Facebook che manda in tilt gli iPhone

Le parole di Facebook in merito all’incidente: “Oggi (ieri), una nuova versione dell’app includeva una modifica che ha provocato arresti anomali per alcuni utenti in alcune app utilizzando l’SDK di iOS di Facebook. Abbiamo identificato il problema rapidamente e risolto ci scusiamo per l’inconveniente.”

Si tratta di un errore che può capitare, ma che ha fatto ricordare a molti che esiste un sistema di tracciamento che lega con un filo virtuale molte applicazioni a Facebook. Questo filo si può recidere volendo, basta togliere il tracciamento di terze parti nelle impostazioni dell’app del social network.

Farlo adesso non servirà a risolvere la situazione, sempre che nel frattempo non sia comunque tutto tornato normale, ma almeno potrai evitare il data mining da parte proprio di Facebook. Un piccolo incidente che potrebbe aver aumentato la consapevolezza degli utenti.