blank

Il vicepresidente del colosso americano Amazon, Tim Bray, ha recentemente lasciato il colosso criticando anche la società per il trattamento riservato ai dipendenti.

Bray era in Amazon dal dicembre 2014 e ora lascia i ruoli di Senior Engineer e Vice President. La decisione è stata spiegata in un lungo intervento pubblicato sul proprio sito personale. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

Tim Bray, vicepresidente di Amazon, ha dato le proprie dimissioni

Ecco un passaggio significativo dell’intervento sul proprio sito: “Licenziare i whistleblower non è solo un effetto collaterale delle forze macroeconomiche, né qualcosa di legato al funzionamento del libero mercato. È l’evidenza di una vena di tossicità che attraversa la cultura aziendale. Scelgo di non servire né di bere quel veleno“. Il riferimento è verso le proteste che hanno coinvolto i lavoratori del gruppo già all’inizio dello scorso anno.

Nell’ultimo periodo non hanno fatto che intensificarsi a causa della crisi sanitaria avvertita su scala globale. Il colosso di Seattle ha più volte sottolineato il proprio impegno finalizzato a garantire la sicurezza di tutti i propri dipendenti, fornendo loro il necessario per poter lavorare in sicurezza. Bray nella sua dichiarazione ha fatto riferimento a come in AWS la situazione sia differente rispetto a quello che accade nelle divisioni del gruppo di Jeff Bezos.

Ecco una seconda parte dell’esposto: “Amazon Web Services, il braccio “Cloud Computing” della società dove ho lavorato, è un’altra storia. Tratta i suoi lavoratori con umanità, si batte per l’equilibrio tra vita privata e lavoro, si impegna a sostegno della diversità (perlopiù fallendo, ma come tutti) ed è in generale un’organizzazione etica. Ammiro sinceramente la sua leadership“. Attualmente la piattaforma non ha ancora rilasciato alcuna dichiarazione, ma potrebbe farlo nelle prossime ore.