La piattaforma di contenuti in streaming Netflix ha recentemente deciso di riproporre nel proprio catalogo l’intera serie italiana intitolata Boris. Quest’ultima è una delle serie televisive italiane più amate di sempre.

Nonostante siano passati ben 10 anni dall’ultima messa in onda della serie, i suoi fan continuano a moltiplicarsi, anche grazie alla meme che l’hanno resa celebre. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

Netflix ripropone tutta la serie italiana Boris

Inizialmente la serie è stata prodotta da Wilder per Fox International Channels Italy, successivamente per FX che fu un flop tanto che Marta Bertolini di Fox Italia, accusò e ringraziò allo stesso tempo la pirateria per l’insuccesso iniziale ed il successo successivo della serie. Ecco le sue parole: “Boris fu vittima, o forse è stata la sua fortuna, della pirateria. Diciamocelo, Boris su Fox la guardava pochissima gente ed è diventata un cult grazie al passaparola… e alla pirateria“.

In seguito delle brevi apparizioni su Cielo e Rai 3, la serie è scomparsa dalla circolazione anche a causa della difficoltà nel reperirla in DVD o Bluray. Oggi possiamo però annunciare che è finalmente ritornata sul catalogo Netflix dopo una breve scadenza della licenza. A dare la notizia è stata la piattaforma attraverso il proprio account social ufficiale che, per l’occasione, ha citato una delle battute più iconiche della serie: “Basito lui, basita lei, luce un po’ smarmellata e daje che abbiamo fatto. preme F4. Fermi tutti, c’ho un’idea. Rimettiamo #Boris. Così, de botto, senza senso. Aspetta n’attimo. *chiude una telefonata*.Genio. *gli stringe la mano*”.

La serie Boris è composta da tre stagioni, ognuna divisa in 13 episodi a cui va forse aggiunto un meno conosciuto film che al momento non è ancora disponibile sulla piattaforma. Come protagonisti vedremo Alessandro Tiberi, Francesco Pannofino, Carlo De Ruggieri, Pietro Sermonti, Carolina Crescentini, Caterina Guzzanti, Ninni Bruschetta e Paolo Calabresi. Non vediamo l’ora di vederla, insieme a tutti gli altri contenuti attesi per il mese di maggio 2020.