Canone Rai

Il Canone Rai rappresenta da tempo innato una delle imposte più discusse sull’intero territorio nazionale. Oggetto di discussioni così come di petizioni, questo pagamento suddivide la popolazione in due fazioni: chi non è interessato e lo paga senza problemi e chi vorrebbe non pagarlo affatto perché lo trova ingiusto. Nonostante negli anni siano state diverse le parole spese a riguardo del canone televisivo, ancora oggi lo stesso non accenna a sparire o diminuire, ma anzi, esso “è diventato più forte” grazie alla sua introduzione in bolletta, la quale non consente a nessuno di omettere il pagamento.

Nel corso del tempo, ad approfittare dell’astio nei confronti di questa imposta si sono presentati anche i cybercriminali: addirittura in caso di emergenza sanitaria come quella attuale, sfruttare il Canone Rai è sembrata loro l’idea più intelligente.

Canone Rai: attenzione ai rimborsi, si tratta di email fraudolente

Vista la mole di sospensione di pagamenti, RC auto e la possibilità d’iniziare a richiedere i primi rimborsi, i cybercriminali hanno pensato bene di rispolverare la truffa del Canone Rai così poter mietere qualche nuova vittima.

Questo tentativo di frode si realizza attraverso la posta elettronica e vede una email annunciare a tutte le potenziali vittime la sospensione del Canone Rai con annesso diritto del cittadino a ricevere un rimborso. Al fine di ottenere questo, i cybercriminali hanno inserito un accurato sito-copia dell’Agenzia delle Entrate: ovviamente non fornite alcun dato, il sito è puramente falso e serve solo a conquistare la vostra fiducia.

Prestare attenzione si rivela, ancora una volta, la chiave per potersi difendere dalle truffe.