Vodafone

Durante i mesi passati, gli utenti Vodafone hanno avuto molto da recriminare per le operazioni di ricarica. In linea con una strategica comune con TIM e con WindTre, anche il provider inglese ha introdotto ricariche che, a prima vista prevedono il ritorno di una spesa di commissione.

Vodafone, libera scelta agli utenti tra Giga Ricariche e ricariche classiche

Dallo scorso inverno, il provider britannico ha immesso sul mercato le sue Giga Ricariche. Come altre operazioni di altri gestori, le Giga Ricariche sono caratterizzate da una peculiarità molto importante. Al netto di una spesa pari a 5 o 10 euro, gli utenti riceveranno o un credito residuo di 4 e 9 euro. Previsto quindi un euro di differenza tra spese a credito residuo.

A differenza di quanto si pensi, però, l’euro aggiuntivo non rappresenta una commissione, dato che esso è propedeutico alla ricezione di un regalo. Tutti coloro che sceglieranno le Giga Ricariche, infatti, potranno beneficiare di 3 Giga per un mese. La soglia internet si aggiunge a quella già prevista con la propria ricaricabile di base.

In una serie di negozi Sisal e Lottomatica, l’arrivo delle Giga Ricariche negli scorsi mesi aveva sostituito la presenza delle ricariche classiche. Ciò ha destato sospetto tra i clienti Vodafone. Dopo le proteste del pubblico, la compagnia inglese ha scelto di modificare la sua strategia commerciale, lasciando libera scelta agli pubblico tra ricariche standard Giga Ricariche.

Le Giga Ricariche sono presenti solo in alcuni punti commerciali. Sul sito internet del gestore, restano disponibili esclusivamente le ricariche classiche senza differenze tra spesa e credito.