blankNetflix prevede un boom di iscrizioni, tuttavia dovuto per lo più al periodo che stiamo vivendo a causa del Coronavirus. Altamente probabile che la piattaforma perderà i nuovi utenti nei prossimi mesi.

Il più grande servizio di streaming al mondo ha guadagnato 15,8 milioni di abbonati da gennaio a marzo, portando il suo totale globale a 182,9 milioni. Netflix aveva previsto circa la metà di iscritti. La società ha avvertito che si aspettava un numero inferiore di nuovi abbonati da luglio a dicembre rispetto a un anno prima, ad esempio. La società è tra le poche a beneficiare degli ordini del governo imposti al fine di fermare la diffusione del virus. Netflix ha infatti previsto 7,5 milioni di nuovi clienti, alcuni analisti si aspettavano solo 3,8 milioni.

Netflix: iscrizioni in aumento, boom in questo periodo ma diminuiranno

L’azienda ha affermato che l’arresto della produzione cinematografica e televisiva in tutto il mondo potrebbe ritardare la programmazione. Nel secondo trimestre, l’impatto sarà “modesto” e influenzerà principalmente il doppiaggio in varie lingue, ha affermato la compagnia. La maggior parte della programmazione per il 2020, e gran parte del 2021, è già stata filmata e sta finendo in remoto in post-produzione, ha dichiarato il Chief Content Officer Ted Sarandos in un’intervista con un analista. Il problema sono tutti i restanti contenuti.

Per il trimestre appena concluso, gli utili per azione di Netflix sono stati inferiori alle aspettative. I ricavi totali sono saliti a 5,77 miliardi da 4,52 miliardi. L’apprezzamento del dollaro USA, dovuto in parte alla crisi del coronavirus, ha influenzato le entrate internazionali, ha affermato la società. La più grande espansione dell’azienda da gennaio a marzo è arrivata dall’Europa, dove sono stati rilevati 4,4 milioni di nuovi clienti. Il piano Netflix più popolare negli Stati Uniti costa $ 13, quasi il doppio del costo di $ 7 al mese per Disney +. L’azienda al momento non prevede di aumentare i prezzi a causa della pandemia globale.