bancheTantissime truffe colpiscono quotidianamente i clienti delle principali banche italiane, senza distinzione di sorta o preferenze in merito ad alcune aziende piuttosto che altre. Tutti gli utenti sono in pericolo, per questo motivo è sempre necessario prestare attenzione alle varie email che vengono effettivamente ricevute.

La prima cosa da sapere riguarda l’iter a cui solitamente le banche italiane ci hanno abituato, va ricordato infatti che in nessun caso inviano email in cui chiedono all’utente di premere link o di inserire le proprie credenziali. Il malvivente punta proprio su questo, sulla vostra inesperienza e sbadataggine, nella speranza di indurvi in tentazione; il messaggio di posta elettronica apparirà uguale all’originale, ma il sito internet a cui è effettivamente collegato è ben lungi dall’essere l’ufficiale.

 

Truffe banche italiane: rischi enormi per i clienti

L’interfaccia ci assomiglierà tantissimo, per questo motivo potreste cadere in tentazione senza nemmeno rendervene conto; i più attenti, tuttavia, noteranno alcune piccole differenze dall’ufficiale, in quanto tutti i dati inseriti al suo interno vengono memorizzati sul server non di proprietà della banca, per poi essere utilizzati tranquillamente per accedere indisturbati al conto corrente del cliente caduto in trappola.

Il rischio è davvero di ritrovarsi senza più nemmeno un centesimo, bastano pochi minuti da quando avete erroneamente inserito le credenziali, allo svuotamento finale da parte del cybercriminale. Nell’eventualità in cui riceveste email di phishing, prima di cancellarle definitivamente senza premere alcun link, inviate una segnalazione alla banca, in modo che possa diramare un comunicato salvavita per tanti altri consumatori che si potrebbero ritrovare nella vostra stessa situazione.