down-reti-telefoniche

Questa quarantena forzata, in grossa parte è stata possibile grazie agli strumenti che ci hanno permesso di comunicare con il mondo esterno e con le persone da cui siamo stati separati. La tecnologia ha fatto la sua parte, rendendo la vita di tutti i cittadini un po’ più facile anche e soprattutto in questo periodo.

Tuttavia, l’utilizzo smodato delle reti, tra videochiamate, messaggi, piattaforme streaming quant’altro, ha messo in seria difficoltà gli operatori telefonici che tanto conosciamo. Il rischio, infatti, è di arrivare a una saturazione tale da causare un down nazionale di tutte le reti telefoniche. Questo problema si è verificato anche in altre parti del mondo, inclusa l’America, poiché lo stesso Mark Zuckerberg, ha ipotizzato un rischio di fusione dei server, qualora i cittadini continuassero a usare con tanta ferocia i social network.

Le reti più importanti come WindTre, Vodafone e Tim rischiano un down

Non sarebbe strano se a qualcuno di noi dovesse capitare di avere problemi di linea, in questi giorni. Durante questo lockdown si sono già verificati dei problemi alle linee e non è assolutamente da escludere che ricapiti, sia a livello provinciale e regionale, sia a livello nazionale.

Unodei metodi con cui poter essere quantomeno preparati, è un sito web specifico, che si chiama downdetector.it. All’interno di questo sito è possibile visualizzare, nonché segnalare, qualunque tipo di malfunzionamento della rete, oltre che trovare eventuali risposte. Questo sito web non funziona solo con le reti telefoniche, ma anche con altri servizi online, come streaming, gaming e home banking. Per utilizzarlo, non serve né iscriversi, né tantomeno pagare.