dieselIl diesel continua imperterrito la propria battaglia personale nei confronti dell’elettrico, riuscendo a vincere su tutti i fronti, a partire proprio dal responso della popolazione mondiale. Ad oggi risulta effettivamente ancora preferito e maggiormente venduto, come conseguenza di alcune motivazioni ampiamente condivisibili.

Il futuro dell’automobile sembra in tutti i modi, e giustamente oseremmo dire, ampiamente rappresentato dal motore elettrico; siamo purtroppo giunti ad un punto di non ritorno in termini di inquinamento ambientale, siamo costretti ad invertire la rotta, ed un inizio potrebbe essere proprio l’automobile in grado di garantire completamente zero emissioni. Nonostante ciò, la maggior parte degli utenti la ritiene ancora acerba per una ampia diffusione sul territorio, le motivazioni più comuni sono le seguenti.

 

Diesel contro Elettrico: ecco cosa spinge gli utenti all’acquisto

  • Costo iniziale – sebbene i prezzi si siano ridotti di molto rispetto agli anni scorsi, l’auto elettrica ha ancora un costo superiore al normale diesel.
  • Diffusione dei punti di ricarica – i prossimi tre punti potrebbero andare a braccetto, prima di tutto le colonnine sono ancora troppo poco diffuse sul territorio italiano, a nessuno piace l’idea di dover programmare anticipatamente il viaggio segnandosi le location in cui fare “carburante”.
  • Capacità della batteria – il serbatoio di un’auto diesel è capace di garantire anche 800 chilometri con un pieno, se acquistate ad oggi un elettrico tutto dipenderà da molti fattori, ma in media più di 300/400 chilometri non farete e sarete costretti a fermarvi.
  • Tempi di ricarica – organizzato il viaggio, trovata la colonnina di ricarica, ora sarà necessario attendere almeno una buona mezz’ora per disporre di una percentuale minima per rimettersi in auto (anche in questo caso i produttori stanno compiendo grandi passi in avanti).