5g-uccelli-fake

Ormai lo sappiamo, le fake news girano veloci, e sono tante. Come la notizia degli uccelli morti ritrovati a Roma. Spieghiamoci meglio: non stiamo dicendo che questa notizia sia falsa, ma soltanto che la rete 5G non ha nulla a che vedere con l’ accaduto, come molte testate hanno lasciato intendere. Ma di cosa stiamo parlando? Il 4 febbraio scorso, Roma è stata colpita fortissime raffiche di vento, come tutto il resto del Lazio. Secondo alcune testate smascherate da bufale.net, questo strano caso di una serie di uccelli trovati morti in gruppo, sarebbe attribuire alla rete 5G.

Le cause dell’incidente: cosa è accaduto e cosa si vocifera

Alcune testate, hanno accusato le onde elettromagnetiche emanate dagli impianti della nuovissima rete 5G, di essere la causa della morte in massa di tutti quei volatili. Ciò che è successo è ben diverso: il forte impatto col suolo, con alcune macchine, nonché la caduta di un platano, proprio in zona Policlinico hanno causato la morte di molti uccelli che si trovavano in quella zona. Non si è perso tempo a cavalcare l’onda, e a dare la colpa alla nuova connessione, sulla quale girano ormai da molto tempo, numerose polemiche e critiche.

D’altra parte, non è la prima volta che succede. Molti di voi avranno sentito le accuse surreali che in questi giorni sono state fatte al 5G in quanto presunto colpevole della diffusione del Coronavirus. Come già abbiamo spiegato in un altro articolo, non esistono delle prove evidenti che le due cose possano avere un collegamento e un nesso scientifico. Per quanto ne sappiamo, al momento, non c’è nulla da temere riguardo la diffusione della nuova rete.