Whatsapp ban account

WhatsApp sta svolgendo un ruolo da protagonista in questa emergenza Coronavirus. Dato che in quasi tutto il mondo vi sono in atto norme di distanziamento sociale, la piattaforma di messaggistica istantanea si sta rivelando essere una grande piazza virtuale per l’incontro di amici, parenti o colleghi di lavoro.

 

WhatsApp, attenzione a rispettare le regole: il rischio ban è alto

In questi giorni è quindi proprio impossibile fare a meno di WhatsApp. Nonostante gli aspetti positivi, però, la chat sta mostrando anche alcuni aspetti negativi. Proprio in queste ore, sulla piattaforma sono tornati in azione numerosi malintenzionati del web. 

Gli sviluppatori, per difendere la qualità del servizio, hanno scelto di utilizzare la linea dura. Di giorno in giorno, infatti, migliaia di account vengono bloccati.

Le false informazioni relative all’emergenza Coronavirus rappresentano una vera e proprio piaga. Le fake news stanno circolando di conversazione in conversazione attraverso le oramai famose catene. Ovviamente, gli sviluppatori hanno deciso di eliminare in maniera unilaterale tutti quegli account che vengono segnalati per la diffusione di queste fake news.

L’onda lunga dei ban su WhatsApp prosegue anche per tutti coloro che sono soliti utilizzare a ripetizione messaggi di spam. Questa azione preventiva è necessaria anche per evitare episodi di phishing che mettono in serio pericolo dati personali ed informazioni riservate di utenti ignavi del pericolo.

Attraverso le fake news, alcuni cybercriminali stanno diffondendo anche file infetti. Il pugno duro degli sviluppatori e l’onda lunga di ban dalla chat è necessario anche per evitare il proliferare di virus o malware.