carte di credito

Con l’avanzare della tecnologia, purtroppo, i truffatori hanno ideato dei metodi sempre più ingegnosi per mettere a segno i propri colpi. Recentemente, infatti, attraverso sei semplici POS mobili, è possibile rubare in pochi attimi i dati ed il PIN delle carte di credito dei poveri utenti truffati. Facciamo però un passo indietro.

Negli ultimi anni ha iniziato a diffondersi in tutto il mondo il concetto di pagamento Contactless. Appoggiando semplicemente la propria carta, il proprio cellulare o, in alcuni casi, il proprio smartwatch su degli appositi terminali, è possibile pagare in pochi secondi evitando quindi resto e monete. Nonostante risulti essere una comodità senza precedenti per milioni di persone, purtroppo sono già molteplici i malintenzionati che cercano di approfittarsene. L’ultima truffa messa in atto dai truffatori digitali, infatti, avviene attraverso gli ormai diffusi POS portatili.

POS Portatili: ecco la nuova truffa che colpisce carte di credito e conti correnti

Come fanno quindi i ladri a leggere i dati e il PIN delle carte di credito senza che nessuno se ne accorga? Beh, la risposta è molto semplice: sfruttano il chip contactless delle carte di credito moderne. Avvicinando un semplice dispositivo NFC ad una carta di credito moderna, infatti, attraverso degli appositi sistemi è possibile leggere tutti i dati di quest’ultima. Inoltre, se si è muniti di un POS portatile, è possibile effettuare delle microtransazioni di 25 euro, per cui non è richiesto il PIN, avvicinando semplicemente il dispositivo al portafoglio o alla borsa della vittima. 

Fortunatamente alcune banche offrono delle applicazioni per smartphone che permettono di disabilitare il pagamento contactless. In ogni caso, però, consigliamo l’acquisto di portafogli e porta carte di credito realizzati in metallo, poiché questo materiale è in grado di impedire bloccare la lettura dei dati da parte del lettore.