Il colosso sud coreano Samsung potrebbe smettere definitivamente di produrre pannelli LCD entro la fine dell’anno in corso. Questo per concentrarsi maggiormente sulla tecnologia OLED.

Ormai la comunicazione è ufficiale e, al momento, l’azienda ha due reparti dedicati agli LCD in Corea del Sud e due fabbriche intere in Cina. Scopriamo insieme la sorte di questi due stabilimenti.

 

Samsung: addio pannelli LCD, benvenuti schermi OLED

Per il momento sappiamo solamente che uno dei due reparti citati precedentemente sarà riconvertito per la produzione dei pannelli per TV Quantum Dot. Si tratta di un processo che, in totale, richiederà 5 anni secondo l’azienda. Il destino delle altre strutture non è ancora stato deciso. Il colosso ha riferito di non aspettarsi disservizi e altre problematiche con i propri clienti.

Tutti i pannelli ordinati saranno consegnati entro gli accordi prestabiliti e i magazzini dovrebbero essere vuoti entro la fine dell’anno. Il declino della tecnologia LCD non è un mistero, anche il colosso LG ha detto che ha intenzione di terminare la produzione di quelli dedicati al segmento TV. Ormai l’OLED è considerato come un’alternativa più prestigiosa e soprattutto di maggiore qualità. Samsung aveva intuito le sue potenzialità anni fa, e infatti è stata la prima azienda a proporre smartphone con schermi OLED.

Questi schermi infatti, grazie all’estrema sottigliezza e potenziale dell’OLED, permettono ai produttori di sperimentare concept e form factor innovativi. Basti solamente pensare al Galaxy Fold ed al nuovissimo Z Flip presentato da Samsung solamente qualche settimana fa. Quest’ultimo è attualmente uno dei migliori (e pochi) smartphone pieghevoli sul mercato.