Coronavirus: reti TIM, Vodafone, Wind Tre e Iliad a rischio collasso

In Italia operano tantissimi gestori sulle reti telefoniche, sia mobili che fisse. Proprio tali reti in questi giorni stanno raggiungendo livelli davvero assurdi in merito alla saturazione, visto che tutte le persone rinchiuse in casa a causa del coronavirus stanno utilizzando ancor di più la connessione internet.

I rischi di avere qualche problematica sono quindi ancor più alti del solito e stando ad alcune indagini è possibile notare che TIM, Iliad, Wind Tre e Vodafone ad esempio stiano avendo alcuni problemi a sostenere l’enorme mole di traffico generato dagli utenti. Le iniziative dei provider stessi si sono rivelate inoltre delle armi a doppio taglio. Tutti hanno scelto di regalare giga illimitati o grandi somme di giga per aiutare le persone a stare in casa. Proprio questo potrebbe aver amplificato il traffico online e, visto che gli utenti hanno tantissimi giga da utilizzare.

 

Coronavirus, ecco come i grandi gestori provano a controllare le reti che potrebbero essere soggette al Down totale

La situazione attuale non è di certo delle più rose, così come tutte le altre situazioni derivanti dal coronavirus. Tutti gli utenti che si trovano costretti in casa non fanno altro che navigare ed appesantire i server, i quali secondo pareri molto noti potrebbero arrivare al collasso totale.

Ad esempio Mark Zuckerberg sostiene che continuando in questo modo tutti i server potrebbero arrivare a fondersi, lasciando quindi tante parti del mondo senza rete. Ovviamente le aziende stanno facendo di tutto pur di sostenere il grande traffico, il quale però si fa sempre più massiccio.