NASA SPAcex

Nonostante il peggioramento della pandemia di Coronavirus negli Stati Uniti, la NASA sta ancora guardando al suo obiettivo a lungo termine di rimandare gli umani sulla superficie lunare. La NASA ha assegnato alla compagnia aerospaziale SpaceX un nuovo contratto, incaricandola di inviare merci e forniture a una stazione spaziale che la NASA vuole costruire nell’orbita della Luna.

La nuova partnership è una parte integrante importante del programma Artemis della NASA. In tale ambito, la NASA ha proposto di costruire una stazione spaziale in orbita attorno alla Luna chiamata Gateway. Nella stazione gli astronauti potranno lavorare e allenarsi prima di scendere sul suolo lunare. SpaceX avrà l’incarico di rifornire di volta in volta il Gateway il quale ha bisogno di rifornimenti periodici.

 

NASA e SpaceX: verranno usati veicoli aggiornati. Il materiale trasportabile sarà massiccio

SpaceX fornisce merci alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) da quasi un decennio ormai. Per far sì che le forniture vengano al futuro Gateway, SpaceX utilizzerà alcuni veicoli aggiornati. La compagnia sta sviluppando un nuovo veicolo da carico chiamato Dragon XL, un veicolo spaziale cilindrico bianco che può “trasportare più di 5 tonnellate di carico al Gateway in orbita lunare“, secondo SpaceX.

Durante ogni viaggio, il Dragon XL rimarrà ancorato al Gateway per 6-12 mesi alla volta. La capsula trasporterà cose come “materiali per la raccolta dei campioni e altri oggetti di cui l’equipaggio potrebbe aver bisogno sul Gateway e durante le loro spedizioni sulla superficie lunare“, secondo la NASA.

Ritornare sulla Luna e supportare la futura esplorazione dello spazio richiede una consegna di quantità significative di carico“, ha dichiarato Gwynne Shotwell, presidente e COO di SpaceX. “Attraverso la nostra partnership con la NASA, SpaceX fornisce ricerca scientifica e forniture critiche alla Stazione Spaziale Internazionale dal 2012 e siamo onorati di continuare il lavoro oltre l’orbita terrestre e di trasportare il carico di Artemis su Gateway“.