Finalmente l’attesa è finita e a partire da ieri martedì 24 marzo 2020 è disponibile anche nel nostro Paese la piattaforma di contenuti in streaming Disney+ della compagnia Walt Disney Company.

Anche quest’ultima piattaforma ha accolto le richieste della Commissione Europea di abbassare la qualità dei propri video in streaming per cercare di non sovraccaricare la rete internet. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

Disney+ è finalmente sbarcato anche in Italia

Il servizio ha un punto molto forte, ovvero un vasto catalogo di contenuti che i clienti troveranno iconici. Stiamo parlando dei brand Disney, Pixar, Marvel, Guerre Stellari e National Geographic, insieme a programmi originali in esclusiva, lungometraggi e formati corti, serie e documentari prodotti appositamente per la nuova piattaforma. Il catalogo come avrete potuto intuire è molto vasto, per scoprirlo tutto non vi resta che visitare il sito ufficiale della nuova piattaforma.

Per abbonarsi alla nuova piattaforma basta andare sul sito ufficiale o installare l’applicazione ufficiali su smartphone o tablet da una delle tante piattaforme disponibili. Il costo del servizio è di 6.99 euro al mese oppure di 69 euro tutto l’anno. Disney+ ha l’intenzione di ribaltare il predominio di Netflix nel settore Subscription Video On Demand (SVOD).

Come anticipato precedentemente, a causa dell’emergenza da coronavirus, che sta obbligando all’isolamento domestico tutta Europa, anche la multinazionale ha deciso di ridurre la qualità dello streaming per non appesantire la rete internet. Mossa che hanno già annunciato anche Netflix ed Amazon Prime Video solamente qualche giorno fa. La richiesta è arrivata direttamente dalla Commissione Europea in merito alla riduzione del bitrate dei servizi SVOD.