Il prossimo iPhone 12 Pro potrebbe avere una modalità Ritratto di gran lunga migliore a quella che conosciamo oggi. Anche le funzionalità di realtà aumentata potrebbero migliorare secondo quanto trapelato dal codice di iOS 14. 

Secondo 9to5Mac, due dei tre prossimi modelli dell’iPhone sono progettati per includere un sensore ToF per la prima volta. Questa è una caratteristica che molti si aspettavano che Apple introducesse nella sua gamma di iPhone, ed è un pezzo di tecnologia comune utilizzato sui dispositivi Android di fascia alta.

iPhone 12 Pro, potremmo scoprire ulteriori informazioni a breve

Questi dispositivi iPhone 2020 hanno il nome in codice ‘d5x’ e si prevede che siano la famiglia di iPhone 12. Questo poiché la serie iPhone 11 è menzionata nello stesso codice con il nome ‘d4x’. Sono elencati tre dispositivi “d5x”, ma solo due sono impostati per includere questo sensore.

Un sensore ToF consente alla fotocamera di giudicare meglio le distanze relative dei soggetti che sta riprendendo, il che è utile per la fotografia in modalità Ritratto. Ciò consente alla fotocamera di distinguere tra un soggetto e il loro sfondo per garantire che l’effetto di sfocatura dello sfondo “bokeh” sia applicato alle aree giuste.

Questo è il tipo di funzionalità specificamente progettato per i telefoni di fascia alta. Ad esempio, il Samsung Galaxy S20 non presenta la tecnologia, ma è disponibile sui più costosi Galaxy S20 Plus e Galaxy S20 Ultra. In precedenza abbiamo anche sentito che il nuovo iPad è progettato per avere una funzionalità simile e si prevede che Apple lo utilizzerà principalmente su quel dispositivo per funzionalità avanzate di realtà aumentata.

Per quanto riguarda la gamma iPhone 12, ci aspettiamo di saperne di più nei prossimi mesi, in vista del lancio previsto per settembre.