mascherine ffp3

La corsa contro il tempo per reperire ogni giorno sufficiente materiale medico da distribuire in tutta Italia si sta facendo sempre più complicata, soprattutto in vista del contagio in forte crescita in questi ultimi due giorni. Gli strumenti di protezione sembrano essere introvabili, soprattutto agli occhi dei semplici cittadini che quotidianamente contattano le diverse farmacie per sapere se ne hanno ricevuti o meno. Sebbene nel corso delle ultime settimane siano state molte le discussioni in merito all’importanza o meno di indossare le mascherine, la possibilità di sentirsi più protetti valica ogni ragione scientifica facendo diventare la ricerca una questione d’importanza elevata. Ma le mascherine attualmente in commercio sono utili per contrastare il virus?

Mascherine: la più funzionale elimina il virus grazie a delle scariche elettriche

I chiarimenti in merito a quale mascherina sia la più efficiente sono stati fatti da chi di dovere. Tra i diversi modelli solo due sono pienamente funzionali poiché capaci di filtrare i giusti micron e quindi non lasciar passare, in alcun modo, nessun virus. Ciononostante, oggi, l’avanzamento tecnologico ha portato anche alla creazione di presidi smart, come ad esempio quello di LIGC Applications. Denominata Guardian G-Volt, questa mascherina è stata classificata come la migliore al mondo abbattendo le diverse presenti sul mercato. Dotata di un filtro in grafene, essa si caratterizza per possedere un laser  capace di intrapoolare ed eliminare virus e batteri di ogni genere. Tale dispositivo risulta essere molto efficiente contro un’altra minaccia odierna: lo smog. La LIGC Applications, inoltre, ha optato per un filtro in grafene anche per un medesimo motivo: è un antibatterico naturale.