dvb t2Nel corso dei prossimi mesi/anni, in Italia verrà gradualmente introdotto il nuovo digitale terrestre, chiamato DVB T2, con lenta diffusione a partire dal nord Italia, per una completa disponibilità sul territorio a partire dal 2022.

L’upgrade è d’obbligo da parte di tutte le emittenti televisive prima di tutto per “fare spazio” alla crescente rete 5G, in questo caso infatti le frequenza che le aziende lasceranno libere verranno utilizzate dagli operatori telefonici proprio per la nuova rete mobile.

La cosa da sapere assolutamente è che non tutti i televisori o i decoder esterni sono compatibili con lo standard DVB T2, per questo motivo alcuni utenti potrebbero essere costretti ad acquistare un nuovo modello in tempi brevi. Se avete dubbi relativi alla compatibilità, eseguite questo piccolo test; prima di tutto risintonizzate il televisore, poi posizionatevi sui canali 100 200. Nell’eventualità in cui visionerete un messaggio d’errore o una schermata completamente nera, sappiate che il vostro modello non è compatibile.

 

DVB T2: cosa fare per richiedere il bonus

Arrivati a questo punto sarete pronti per richiedere il bonus di 50 euro previsto dallo Stato Italiano per le famiglie che acquistano un nuovo dispositivo di questo tipo. Per richiederlo dovrete scaricare il modulo dal sito ufficiale, corrispondente ad una autocertificazione in cui confermate che la vostra famiglia ha un ISEE non superiore ai 20’000 euro, ma sopratutto che non avete già usufruito del bonus in passato.

Se rispetterete tutti i requisiti, dovrete semplicemente andare a consegnare il modulo in cassa nel punto vendita in cui avete completato l’acquisto, riceverete uno sconto di 50 euro sullo scontrino stesso.