blank

Gli smartphone sono ormai dei compagni costanti della routine di tutti i giorni, infatti non c’è persona sulla faccia del pianeta che cammina per strada senza il fedele compagno di foto e messaggi.

A quanto pare il 16/o rapporto Censis sulla Comunicazionei Media e la costruzione di identità è riuscita a quantificare il rapporto di noi italiani con i nostri smartphone e la tecnologia, dando quasi un’immagine fedele dell’intimo legame con essi.

Spese quadruplicate per gli italiani

blank

Andando ad analizzare i dati del grafico, è facile notare come il mercato degli smartphone non abbia conosciuto crisi, infatti a partire dal 2007, la crescita delle spese per gli smartphone ha avuto un’incremento addirittura del 298,9%, una valore incredibile.

Il boom non ha però visto protagonisti solo gli smartphone, infatti anche la categoria legata ai computer ha visto un aumento notevole del 64,7%.

Questi dati però non vi devono trarre in inganno, dal momento che una maggiore circolazione di smartphone e altri prodotti tecnologici non è indice di una aumentata padronanza della tecnologia.

Infatti secondo i dati di Censis si è scoperto che il 57,3% dei soggetti anziani, ha dichiarato di non essere competente nel mondo digitale, necessitando spesso dell’aiuto dei più giovani per svolgere attività anche semplici.

Questa analisi è confermata dai numeri divergenti che descrivono le due categorie, con i giovani che usano molto internet, circa il 90,3%, la TV  con l’89,9%, lo smartphone, con un valore dell‘89,8% e i social media, con l’86,9% e gli anziani che invece usano molto poco gli smartphone, 38,2%, ed internet, 42,0%, ma molto la TV 96,5% ed i quotidiani, 54,6%.