Home News Gennaio 2020 è stato il mese più caldo mai registrato

Gennaio 2020 è stato il mese più caldo mai registrato

Gennaio 2020 è stato il primo gennaio in quanto mese più caldo di sempre. Questo cambiamento climatico continua a preoccupare, è da tenere sott'occhio.

In 141 anni di record climatici, gennaio 2020 è stato il mese più caldo di sempre, secondo gli scienziati dei Centri nazionali per l’informazione ambientale del NOAA . Le temperature globali della superficie terrestre e oceanica erano di 1,14 gradi Celsius (2,05 gradi Fahrenheit) al di sopra della media del 20 ° secolo, battendo il record precedente stabilito nel gennaio 2016 di 0,02 gradi C (0,04 gradi F).

Questo non dovrebbe essere troppo sorprendente, dato che il 2019 è stato il secondo anno più caldo della Terra , lo scorso giugno è stato il più caldo e i ricercatori hanno appena registrato temperature da record in Antartide . Secondo il NOAA, i 10 gennaio più caldi sono tutti avvenuti dal 2002. Ciò che rende questo anno particolarmente unico è che non c’era El Niño a giustificare un po’ del riscaldamento.

 

Il NOAA ha rilevato inoltre temperature più calde in territori generalmente freddi

Secondo il rapporto del NOAA, alcune parti della Russia, della Scandinavia e del Canada orientale hanno visto le temperature del terreno più calde della media. Hanno registrato una temperatura di 5,0 gradi sopra la media. L’Alaska e il Canada occidentale hanno visto temperature particolarmente fresche.

I ricercatori affermano che il pianeta si sta riscaldando più velocemente di quanto si pensasse inizialmente. Gennaio 2020 è stato solo un avvertimento di quello che potrebbe succedere nei prossimi mesi. Le Nazioni Unite hanno affermato che anche se le nazioni aderiranno all’accordo di Parigi , i cambiamenti climatici continueranno a rappresentare un grave disastro . Nel frattempo, alcuni stimano che le attuali emissioni riscalderanno il pianeta di oltre 1,5 ° C. Tale aumento potrebbe sciogliere quasi 2 milioni di miglia quadrate di permafrost artico , distruggere oltre il 70 percento delle barriere coralline oceaniche ed esporre il 14 percento della popolazione mondiale a attacchi di forte calore.