Samsung nelle ultime ore sta facendo parlare molto di se grazie al,a presentazione dei suoi ultimi top di gamma della famiglia Galaxy S.

Come se non bastasse l’azienda coreana ha presentato le sue nuove memorie per smartphone, le LPDDR5.

Alte prestazioni e consumi contenuti

Stando a quanto reso noto dal team Samsung, le nuove memorie sono capaci di offrire un aumento di velocità di trasmissione dei dati (larghezza di banda) pari a circa il 49% in più, con una riduzione dei consumi che si attesta attorno al 14%, tutto a confronto con le vecchie LPDDR4X.

Le nuove memorie saranno essenziali per poter sfruttare al massimo le funzionalità connesse al 5G e per una migliore efficienza delle tecnologie basate su IA.

Per raddoppiare la banda passante rispetto alle prime LPDDR4, gli ingegneri di Samsung, hanno progettato le LPDDR5 passando a una nuova architettura multi-clocking a 16 banchi (le suddivisioni all’interno della cella DRAM) programmabili.

Inoltre nelle nuove memorie sono state introdotte due tecnologie ad-hoc, Data-Copy e Write-X, di cui la prima istruisce la memoria a copiare il dato in trasmissione da un pin I/O ad altri pin I/O, eliminando la necessità di ritrasmettere i dati verso altri pin.

La seconda delle due rispettivamente invece, istruisce il dispositivo a scrivere tutti uno o tutti zero verso uno specifico indirizzo, eliminando la necessità di trasmettere dati dal SoC alla memoria stessa.

Samsung ha annunciato che immetterà nel mercato due diverse versioni di queste nuove memorie, in modo tale da poter soddisfare tutte le richieste su tutte le fasce.