offerta TIM Party premi Agosto

Stanno per arrivare la parola fine alle polemiche che negli scorsi mesi hanno contraddistinto l’ambiente in casa TIM. Il gestore di telefonia italiana, come tutti gli altri operatori attivi nel nostro paese, dovrà elargire dei rimborsi di credito verso quegli abbonati che tra 2016 e 2017 sono stati forzati a pagare le loro bollette ogni quattro settimane.

 

TIM, come e quando arrivano i rimborsi di credito in bolletta

Tutta la querelle che ha portato ai rimborsi nasce dalle rimodulazioni unilaterali messe in atto dagli operatori nel suddetto biennio. In questo periodo, al posto dei pagamenti ogni 30 giorni tanti abbonati hanno pagato il rinnovo mensile del contratto con cadenza a 28 giorni.

clienti, anche grazie al supporto delle varie associazioni di difesa, hanno intrapreso una lunga battaglia contro TIM e contro gli altri provider. Questa battaglia ha trovato il suo naturale corso nelle aule di tribunale. Prima il TAR e poi il Consiglio di Stato hanno punito le compagnie telefoniche, imponendo rimorsi per gli utenti coinvolti.

In questo mese sono già partiti i primi conguagli da parte di TIM. Tutti i clienti idonei al rimborso del credito hanno ricevuto o riceveranno una pronta comunicazione via posta. Il risarcimento sarà elargito come credito positivo sulle prossime bollette ed avrà un valore equivalente alle spese non dovute tra 2016 e 17. 

Entro la primavera dovrebbe completarsi l’iter dei rimborsi. Ricordiamo che ad essere coinvolti sono gli abbonati di telefonia fissa, mentre per la telefonia mobile non sono previsti ancora simili azioni.