La piaga Coronavirus non sembra proprio voler cessare, con nuovi casi diagnosticati ogni giorno uniti ad un’espansione su scala globale dell’epidemia, che sembra non aver intenzione di arrestarsi.

Secondo il risk assessment (aggiornato al 10 febbraio dall’ECDC), attualmente il rischio di infezione da  2019-nCoV, per i cittadini dell’Unione Europea è basso.

A quanto pare, questo dato, non sembra sufficiente a tranquillizzare le principali aziende del settore tecnologico, che il prossimo 24 febbraio dovrebbero riunirsi al Mobile World Congress di Barcellona, la più grande fiera della tecnologia del mondo.

Sony e Amazon disertano

Dopo Lg, Ericsson e Nvidia, anche due colossi della tecnologia hanno deciso di rinunciare alla tanto famosa fiera.

Stiamo parlando di Sony e Amazon, che dopo una attenta analisi hanno convenuto che la scelta migliore era appunto il non partecipare, scelta poi ufficializzata tramite un comunicato stampa ufficiale.

Sony ha deciso di non essere presente fisicamente alla fiera, ma di procedere con la propria cerimonia programmata il 24 tramite streaming dal proprio canale YouTube.

Ad aggiungersi alla lista degli assenti c’è anche Amazon, forse l’assenza meno sentita da parte degli utenti, ma di sicuro rilevante per le altre aziende a causa delle importanti partnership con l’azienda di e-commerce.

A confermare la propria presenza invece sono i colossi cinesi Huawei e Zte, che nonostante l’emergenza globale non voglio rinunciare all’esposizione.

Un alone di mistero invece avvolge il gigante coreano SamSung, che ancora non ha espresso le proprie intenzioni riguardo al Mobile World Congress, con il silenzio che porta a pensare alla presenza alla fiera di Barcellona del colosso made in Corea.