bloccare i call centerCertamente non è facile bloccare i Call Center. Società come Google e realtà di tutela nazionale come AGCOM hanno tentato più volte di mettere i paletti alle aziende telefoniche e di trading operanti via telefono. A volte è semplice capire che si tratta di sospetto SPAM. Per gli smartphone esistono utility apposite ma con il contatto al telefono di casa le cose si complicano. Le truffe scattano attraverso nuovi metodi e nuovi numeri pericolosi segnalati dagli utenti.

 

Le nuove truffe dei Call Center: attenzione a questi contatti

Possono chiamare direttamente dal nostro Paese o dall’estero. A seconda dei casi cambiano alcune dinamiche ma il risultato è sempre lo stesso: ottenere contratti fraudolenti sul circuito delle offerte telefoniche o dei comparti energia e servizi di intrattenimento.

Dall’Italia si sono iniziati a preferire i numeri di cellulare al posto dei contatti di telefonia fissa. L’utente che in casa non dispone di un filtro Call Center risponde alla telefonata e viene accolto da tutta una serie di domande. Il loro scopo è fare pronunciare il cosiddetto “fatidico “. Ci si trova a sposare la causa truffaldina del tecnico che sta all’altro capo della cornetta. Questa singola sillaba basta per attivare un contratto sospetto.

Dall’estero, invece, arriva un nuovo tipo di truffa telefonica. Nello specifico prevede una chiamata muta cui segue l’interesse diretto del consumatore incuriosito. Una volta che l’utente richiama il numero viene attivato un nuovo servizio.

Il nostro consiglio è quello di bloccare le chiamate su smartphone tramite app verificate e rinunciare a contatti esterni sul telefono di casa. In caso di numero sconosciuto potete sfruttare la segreteria telefonica per ricevere un messaggio o per comunicare la momentanea indisponibilità sul fisso. Chi vorrà potrà chiamare sul vostro telefono mobile e da lì scoprire se si tratta di un Call Center pericoloso o di un conoscente.