whatsapp

Il team di sviluppo di WhatsApp ha preso sul serio la questione relativa alla sicurezza. Dallo scorso anno, come vi stiamo raccontando, c’è stato un completo cambio di passo. Finiti i tempi dove la libertà era totale, ora i trasgressori seriali rischiano davvero grosso: gli sviluppatori, infatti, anche grazie al nuovo sistema di segnalazione stanno bloccando i profili di chi non rispetta il codice comportamentale.

WhatsApp, i ban per gli utenti: il pericolo è dietro l’angolo

In base a quelli che sono i numeri sin qui raccolti, dall’inizio anno si sono verificati migliaia di ban contro i trasgressori. Sono due principalmente i motivi che spingono ad una chiusura unilaterale dei profili.

Rispetto al passato, su WhatsApp non sono più tollerati i messaggi spam inviati attraverso i gruppi o attraverso lo strumento delle Liste Broadcast. Saranno quindi sanzionati in maniera severa quelle persone che sono solite inviare messaggi fastidiosi e ripetuti, per scopi personali o anche per uso pubblicitario.

Il pugno duro, come ovvio, sarà utilizzato anche contro tutti quei cybercriminali che sono soliti condividere file infetti quali malware e spyware. Essendo ancora piene le conversazione di questi file dannosi, gli sviluppatori bloccano il problema alla fonte.

Oltre a questi casi maggiori ci sono anche ragioni più semplici a giustificare la chiusura di un account. Sempre da qualche mese, il livello di tolleranza degli sviluppatori di WhatsApp per tutte le app parallele è davvero ai minimi. Chi sfrutta software che, ad esempio, consentono l’accesso di due profili su uno stesso dispositivo rischia un blocco che può essere tanto temporaneo, quanto definitivo.