WhatsApp, hacker, Polizia Postale, phishing, truffa

WhatsApp riesce a tenere unito grazie al suo servizio un pubblico davvero omogeneo che comprende ogni fascia d’eta. Anche se la chat di messaggistica è un must tra i ragazzi ed i giovani, anche il pubblico degli anziani ora sta iniziando a sperimentare la praticità di questo indispensabile servizio. La popolarità di WhatsApp è un dato di fatto, così come è un dato di fatto il tentativo di sfruttare questa popolarità da parte di hacker e malintenzionati.

 

WhatsApp, ecco l’SMS che sta spaventando migliaia di utenti

Da quando è iniziato il nuovo anno, sta circolando di smartphone in smartphone un SMS pericoloso. Questo messaggio testuale prevede un collegamento diretto con WhatsApp. Il testo dell’SMS è d’altronde emblematico: “Saluti da WhatsApp! Il tuo numero di telefono non è registrato su questo dispositivo. Clicca sul link per attivare il numero di telefono”. 

In calce al messaggio, come spesso in questi casi, è presente anche un link. I malintenzionati, sfruttando l’ingenuità di alcuni utenti, proprio attraverso il link cercano di rubare informazioni personali attraverso la piattaforma di messaggistica.

In caso di click sul link si concretizza un vero e proprio tentativo di phishing. L’obiettivo degli hacker è quello di accedere ai dati riservati degli utenti, dati che poi saranno utilizzati per scopri pubblicitari o per creare dei profili fasulli.

Ignorare questi messaggi è sempre la soluzione migliore. Il nostro consiglio, specie per le persone che sono meno vicine al mondo della tecnologia, è quello quello di cancellare ogni tipologia di contenuto allarmistico legato all’uso di WhatsApp.