Home News MIDI 2.0: revisionata l’interfaccia musicale per la prima volta

MIDI 2.0: revisionata l’interfaccia musicale per la prima volta

Il MIDI 1.0 ormai sembra già il passato dopo che le maggiori case produttrici di prodotti musicali hanno votato per introdurre il MIDI 2.0.

blank

Circa 35 anni dopo l’istituzione delle specifiche dettagliate MIDI 1.0, i produttori di strumenti hanno votato all’unanimità il 18 gennaio per adottare le nuove specifiche MIDI 2.0. Cosa sta cambiando per le interfacce audio? Il “più grande progresso nella tecnologia musicale degli ultimi decenni” porta una comunicazione bidirezionale. Questa è tra le molte altre nuove funzionalità pur rimanendo retrocompatibile con le vecchie specifiche.

Aziende come Roland, Native Instruments, Korg e Yamaha fanno parte dell’associazione dei produttori MIDI dietro l’aggiornamento, e abbiamo già visto la tastiera A-88MKII di Roland che sarà pronta per le specifiche quando sarà in vendita a marzo.

MIDI

 

MIDI 2.0: le caratteristiche del nuovo collegamento alla strumentazione

Ed è giunto il momento per un nuovo standard. Mentre i cavi DIN a 5 bit utilizzati negli anni ’80 non potevano gestire l’audio ad alta risoluzione, le specifiche MIDI 2.0 sono pronte per qualsiasi connettore digitale che desideri utilizzare e inizieranno con il targeting Porte USB. Ciò consente una tempistica molto più accurata e una risoluzione molto maggiore aggiornando i messaggi da sette bit fino a 32 bit.

Dovrebbe anche rendere gli strumenti più facili da usare. I profili imposteranno automaticamente gli ingranaggi per l’uso previsto e una funzionalità chiamata Scambio di proprietà che utilizza JSON (JavaScript Object Notation). Questo servirà per inviare informazioni di configurazione più dettagliate. Trascorrerai meno tempo a spostarti tra i preset e più tempo a fare musica. Inoltre alcune di queste funzionalità possono essere utilizzate anche su hardware con specifiche MIDI 1.0 precedenti. Come osserva Reverb.com , c’è ancora spazio per miglioramenti su cose come il collegamento in rete di più dispositivi, ma rappresenta un enorme aggiornamento rispetto al vecchio standard e sarà utile per chiunque cerchi di realizzare un album vincitore dei Grammy, sia che si trovi nella loro camera da letto o uno studio completo.