Il social network Facebook ha inserito una nuova funzione chiamata Off Facebook Activity. Quest’ultimo strumento permette agli utenti di conoscere con quali siti la piattaforma condivide le proprie informazioni e, nel caso, bloccarle.

La privacy è sempre stato un argomento difficile da trattare per la piattaforma, soprattutto dopo lo scandalo Cambridge Analytica di cui ancora oggi paga il prezzo. Scopriamo insieme tutti i dettagli del nuovo strumento.

 

Facebook permette di bloccare la condivisione dei nostri dati

Il colosso di Menlo Park ha finalmente deciso di svelare ai propri utenti quali dati provenienti da altri servizi ed applicazioni utilizza. Non solo, ha inserito anche un nuovo strumento che permetterà a tutti gli utenti iscritti di capire quali aziende ed organizzazioni condividono dati con la piattaforma. Off Facebook era stato annunciato agli inizi del 2019 con il nome Clear History, ma la società ha pensato che potesse solamente confondere gli utenti, facendo credere loro che lo strumento potesse permettere di cancellare i propri dati, anche se non è così.

Visti i recenti scandali a tema privacy, Zuckerberg ha annunciato l’arrivo di questo nuovo strumento sul proprio profilo della piattaforma. Ecco le sue parole: “nelle prossime settimane mostreremo a quasi 2 miliardi di persone in tutto il mondo un rapido invito a rivedere le loro impostazioni“. Lo strumento mostrerà un riepilogo delle informazioni condivise tra l’azienda e altre attività commerciali esterne, più i dati che consentono di personalizzare la pubblicità. Gli utenti, se lo desiderano, potranno cancellarli.

Per controllare la propria attività al di fuori della piattaforma è necessario accedere alle impostazioni. Giunti alla schermata delle impostazioni, bisogna accedere a “le tue informazioni su Facebook” e cliccare successivamente su “attività fuori da Facebook” per accedere al nuovo strumento.