L’evasione fiscale rappresenta un problema ancora troppo rilevante per l’Italia: nel corso degli ultimi anni sono stati diversi gli interventi adottati per mettere un punto a tale fenomeno eppure qualcosa sembra esser andato storto. Sentir parlare di controlli fiscali, poi, mette tutti un po’ in dubbio… anche quelle persone che non dovrebbero preoccuparsi di niente . Sebbene la situazione non sembri mutare, però, bisogna ricordare che il Fisco italiano, in realtà, vede ogni giorno i suoi organi effettuare del lavoro atttaverso strumenti utili ad individuare chi commette il reato sopracitato.

Fisco: i controlli saranno più severi a partire da quest’anno

A partire da questo nuovo anno, i controlli effettuati dal Fisco subiranno alcune mutazioni introducendo delle modalità più tassative. l’Amministrazione Fiscale, infatti, procederà con l’effettuare i suoi controlli sotto un più ampio punto di vista, il quale introdurrà anche due novità: scopriamole.

Al fine di comprovare  che ogni cittadino non evada fiscalmente , le nuove risorse adottate dal Fisco si basano su alcuni algoritmi che altro non fanno se non confrontare le entrate e le uscite verificatesi nel corso di un dato anno per poi metterle a confronto con quanto viene affermato nelle dichiarazioni di reddito appartenenti ad ogni cittadino. I diretti interessati di questa operazione  sono i conti correnti, ma non sono gli unici che vengono tenuti sotto controllo.

Grazie alle nuove linee guida stabilite, quest’anno rivestiranno particolare importanza anche i controlli su quelle che vengono definite le giacenze ferme: nel caso queste incrementassero con un tasso troppo dubbioso , l’Agenzia delle Entrate potrà investigare e scoprire se vi è qualcosa di illegale al di sotto. Particolare rilevanza, poi, rappresenterro le fatture elettroniche, le quali saranno consultabili dalla Guardia di Finanza.