È da un po’ che non sentiamo nulla di Fast Share, l’imminente versione di Google in versione AirDrop. Ma basato su un nuovo video pratico, sembra che potresti presto essere in grado di controllare la funzione di condivisione dei file sul tuo telefono Android. Ora noto come Nearby SharingXDA-Developers è stato in grado di far funzionare lo strumento di sviluppo per inviare foto e video tra Pixel 2 XL e Pixel 4.

 

Nearby Sharing di Google: come è possibile il trasferimento di dati da uno smartphone Android ad un altro

La buona notizia è che sembra che il Nearby Sharing risolva molte delle stranezze sull’usabilità che hanno impedito ad Android Beam di diventare più popolare. Per iniziare, Android ora completa l’handshake iniziale tra due dispositivi tramite Bluetooth anziché NFC. Di conseguenza, non è necessario posizionare due telefoni uno accanto all’altro per avviare il processo di condivisione. L’uso della funzione sembra anche più semplice. È possibile abilitare il Nearby Sharing dal menu delle impostazioni rapide di Android. Successivamente, la condivisione di un file è semplicemente una questione di accesso al foglio di condivisione, che puoi estrarre nella maggior parte delle app toccando l’icona a tre punti.

È possibile anche modulare il funzionamento stesso della funzione. Ad esempio, ci sono opzioni di visibilità che ti consentono di limitare chi può inviarti un file. Inoltre, esiste un’impostazione che consente al telefono di utilizzare i dati per facilitare il processo.

Presto potremmo vedere una varietà di produttori di telefoni Android che rilasciano il proprio introito su AirDrop. Oggi, XDA ha pubblicato un rapporto che mostrava che Samsung sta lavorando a una funzione chiamata Quick Share. L’anno scorso, un trio di produttori di telefoni cinesi ha annunciato che stavano lavorando al proprio protocollo di condivisione dei file. Tuttavia, il vantaggio dell’approccio di Google è che funzionerebbe con qualsiasi telefono Android, anziché con una specifica marca di telefono. Non è chiaro quando Google rilascerà la nuova funzione, ma ci sono buone probabilità che lo scopriremo alla prossima conferenza degli sviluppatori di I / O dell’azienda, che inizierà il 12 maggio .