Home News Tinder: a breve un pulsante antipanico per situazioni pericolose

Tinder: a breve un pulsante antipanico per situazioni pericolose

Tinder ha deciso di aiutare i suoi iscritti durante gli appuntamenti: ha instaurato un pulsante particolare nel momento in cui le cose potrebbero mettersi male.

Tinder sta compiendo ulteriori passi per rafforzare la sicurezza dell’utente, implementando funzionalità che offrono ai daters la possibilità di ricevere check-in, attivare un allarme di panico e persino chiamare le autorità nella loro posizione. La sua società madre, Match, ha preso parte a un’app di localizzazione e sicurezza personale chiamata Noonlightrapporti del Wall Street Journal , e prevede di testare le funzionalità negli Stati Uniti da fine gennaio.

Se un incontro diventa non proprio dei migliori, gli utenti saranno in grado di attivare un allarme tramite lo strumento Noonight nell’app Tinder. Gli verrà quindi chiesto di inserire un codice. In caso contrario, riceveranno un messaggio da uno degli spedizionieri di Noonlight. Se non rispondono a quel messaggio, Noonlight li chiamerà e se non ci sono risposte o l’utente conferma di aver bisogno di aiuto, Noonlight si metterà in contatto con la polizia.

 

Tinder: come si fa ad utilizzare la funzione Noonlight

Per utilizzare la funzione, i daters dovranno condividere i loro dati sulla posizione in tempo reale con l’app. Match afferma che queste informazioni non verranno utilizzate per il marketing o altro, né verranno condivise con Match: sono tutte gestite da Noonlight. Gli utenti che optano per la funzione saranno anche in grado di mostrare un badge sui loro profili di appuntamenti, che – spera l’azienda – fungerà da deterrente per tutti i cattivi attori sulla piattaforma.

Certo, c’è sempre la possibilità che un allarme possa essere attivato accidentalmente durante un incontro che sta andando bene, ma la società afferma che è un rischio che è disposto a correre. Parlando al Wall Street Journal , il direttore generale del gruppo Match Mandy Ginsberg ha detto: “I falsi positivi, credimi, li abbiamo presi in considerazione. Se qualcuno non risponde, nel peggiore dei casi qualcuno si presenta e bussa alla porta. Non è il cosa peggiore del mondo “.

La nuova funzionalità segue una serie di strumenti incentrati sulla sicurezza sulla piattaforma. L’anno scorso ha lanciato un sistema di allerta per i viaggiatori per aiutare a proteggere gli utenti LGBTQ nei paesi che discriminano, e nel 2018 ha lanciato una funzione “Le donne parlano per prime “. Tuttavia, quando si tratta di sicurezza dei dati all’interno dell’app stessa, la sua reputazione non è così solida. Un grave difetto di sicurezza nel 2018 ha consentito l’accesso all’account con solo un numero di telefono, mentre lo stesso anno ha visto la rivelazione che le foto degli utenti non venivano crittografate. Più di recente, uno studio ha dimostrato che Tinder, insieme a numerose altre app di incontri, stava trattando in modo poco protettivo dati sensibili dei clienti.

Tuttavia, tutte le funzionalità che possono rendere più sicuro il tumultuoso mondo degli appuntamenti online per i suoi utenti sono senza dubbio una mossa gradita. La funzione Noonlight sarà gratuita per gli utenti negli Stati Uniti dalla fine di gennaio, con Match Group in programma di implementarlo nelle altre app di appuntamenti nei prossimi mesi.