Noi tutti ormai siamo abituati alle classiche ricariche in tagli multipli di 5 euro, da un minimo appunto di euro cinque, per poi salire a dieci, venti, venticinque fino ad un massimo di 120.

Una soluzione che negli anni si è rivelata abbastanza adeguata a soddisfare le esigenze dei consumatori, ma che ora risente dei cambiamenti del mercato che ovviamente influiscono sulle tariffe mensili da pagare, le quali appunto assumono valori strani che obbligano i consumatori a ricaricare molto più dell’importo dovuto.

Wind a quanto pare ha valutato questa situazione e ha deciso di procedere con una soluzione messa subito in vigore.

Una svolta decisamente inaspettata

A partire da oggi infatti sarà possibile, presso i negozi autorizzati ma anche online, effettuare ricariche del valore di 6 euro in modalità standard, possibilità negata però ai rivenditori come tabacchi, bar edicole e ricevitorie.

Facendo un confuto totale delle varie possibilità di ricarica offerte (al netto anche delle scratch card) si delineano due quadri principali.

Nei negozi Wind i tagli disponibili saranno: in caso di ricarica special, 5 e 10 euro, in caso di ricarica standard, i tagli saranno ben maggiori, ovvero: 6€, 11€, 15€, 20€, 25€, 30€, 50€, 90€ e 120€.

In caso di ricarica online invece i tagli saranno: 5 e 10 euro con ricarica special, con ricarica standard invece avremo: 6€, 11€, 15€, 25€, 50€ e 100€.

Ricordiamo che effettuare una ricarica sulla propria SIM telefonica è essenziale per il prolungamento della validità della stessa di ulteriori 13 mesi dalla data di scadenza.

Nel corso dell’ultimo mese la SIM sarà abilitata solo alla ricezione di chiamate e messaggi, ma non potrà effettuare operazioni in uscita.