I servizi Google sono ormai estremamente diffusi ed apprezzati dal pubblico. L’ecosistema creato dalla casa di Mountain View, infatti, è riuscito ad ampliarsi notevolmente dopo aver dato vita ai servizi nativi con cui Google è entrata nel mercato.

Fra questi, alcuni hanno avuto particolare successo grazie all’ampio bacino di utenza che sono andati a coprire. Si pensi ad esempio a Gmail, un servizio di posta elettronica estremamente semplice e intuitivo, che si aggiorna continuamente apportando cambiamenti e nuove features che lo rendono sempre più completo.

Come anche Chrome, o tutto il complesso del sistema operativo Android, la cui versione 10 è attualmente in roll out per il beta testing e che prossimamente sarà aggiornato alla versione stabile.

Ma dal momento che ormai l’informazione passa soprattutto attraverso gli strumenti digitali, esistono due servizi Google che in assoluto rappresentano il top per chi vuole tenersi sempre aggiornato sulle notizie dal mondo e sulle nuove tendenze. Come anche per chi lavora sull’elaborazione di statistiche, ad esempio, sulle notizie più cliccate o cercate in un determinato periodo di tempo (un mese, un anno, una settimana).

Google News e Google Trends: ecco come sfruttare al meglio le potenzialità di questi servizi

Nel caso di Google News, esistono due possibilità di raggiungere le informazioni di proprio interesse. Si tratta infatti di seguire due “percorsi”, costituiti dai servizi NewsCast e NewsStand.

NewsCast consente di confrontare un maggior numero di fonti per la medesima notizia, potendo così fruire di una panoramica più ampia sull’argomento. Il servizio NewsStand, invece, permette di accedere direttamente all’informazione ricercata tramite le fonti più attendibili.

Per quanto riguarda Google Trends, invece, grazie a questo strumento è possibile scoprire quali siano le tendenze in termini di ricerche nei vari ambiti. È anche possibile selezionare intervalli di tempo per indagare sulle parole più cliccate in un determinato periodo.

Inoltre è consentito impostare dei filtri per inquadrare i trend in base ad un pubblico più specifico, è possibile inoltre impostare dei filtri che delimitino lingua di appartenenza, o anche area geografica d’interesse.