Oltre alle truffe telefoniche tramite call center o siti internet, gli utenti devono far attenzione ad una truffa tornata di moda in questi ultimi giorni. La minaccia di cui facciamo riferimento prende il nome di ‘truffa della bottiglietta di plastica’ ed era molto utilizzata diversi anni fa.

Secondo le testimonianze riscontrate durante il periodo delle festività natalizie, alcuni malintenzionati hanno deciso di riaffidarsi a questa truffa per colpire gli utenti. Se prima la paura era rivolta al mondo del web, quindi internet, adesso il terrore si è spostato sulle automobili. Scopriamo insieme come evitare di essere colpiti da questo nuovo attacco.

 

Automobili rubate: torna di moda la truffa della bottiglietta

Come detto in precedenza, per diverse vittime le feste natalizie non sono state passate nel migliore dei modi. Infatti, alcuni clienti hanno segnalato l’improvviso furto delle proprie automobili da parte dei ladri. Il metodo adottato rispecchia in pieno le caratteristiche della famosa ‘truffa della bottiglietta di plastica’.

Praticamente, i ladri prendono di mira un’automobile e con meno di 5 secondi riescono ad effettuare il furto. Il trucco è semplice, basta munirsi di una bottiglietta di plastica ed infilarla tra la ruota ed il parafango della macchina. Appena il proprietario dell’auto la metterà in moto, avvertirà nel giro di qualche secondo un forte rumore. A quel punto, il proprietario scenderà dalla macchina per andare a controllare la parte del passeggero dove è stato avvertito il rumore. Proprio in quel frangente di tempo che avverrà il furto, infatti il ladro approfittando della distrazione del proprietario, scapperà via con l’auto.