truffa canone RAI

Una delle truffe più frequenti di cui si parla oggi è quella che prevede un finto rimborso relativo al pagamento del Canone Rai. Questa frode ha già mietuto diverse vittime, stando a quanto affermato dalle autorità competenti.

Per chi non lo sapesse, il Canone altro non è che la tassa sulla presunzione di detenzione dell’apparecchio televisivo e il pagamento della suddetta arriva insieme alla bolletta delle luce. Insieme al bollo auto rappresenta una delle accise più odiate dal popolo italiano: questa informazione è stato il terreno attraverso il quale gli hacker hanno ideato la truffa.

A tal proposito è bene ricordare che il Web, essendo un luogo pericoloso e non sicuro, offre milioni di possibilità ai cyber criminali per compiere le loro malefatte. Basti pensare alle truffe che vi sono oggi: da quella dell’identità a quella delle sim, da quella delle PostePay a quella della bolletta dell’Enel. E come non citare tutti i numerosi tentativi per svuotare i conti correnti dei clienti che hanno un conto corrente con Unicredit, Sanpaolo, Fineco, BNL.

 

Come funziona la truffa del finto rimborso del Canone Rai?

 

Al fine di combattere l’evasione crescente, il Governo ha deciso di inserire il pagamento del Canone Rai (parliamo di circa 100 Euri annui in più) all’interno della bolletta della luce. Oggi circola sul Web una truffa che prevede un rimborso completo del pagamento della sopracitata imposta.

Attraverso un collegamento ipertestuale e l’apertura di un sito malevolo, l’utente viene invogliato ad inserire i propri dati per ricevere i fantomatici 100 Euro relativi al pagamento del Canone.

Ricordate che non esiste nulla di più falso, in quanto non esiste nessun ente che vi rimborsi dei soldi spesi per il pagamento di una tassa. Fate attenzione e non cadete nel tranello dei criminali.