Apple Tim Cook

L’azienda americana Apple ha deciso di diminuire lo stipendio dell’amministratore delegato Tim Cook, relativo al 2019. Il CEO del colosso ha guadagnato dieci milioni di dollari in meno dell’anno scorso.

La retribuzione del numero uno di Cupertino, è stata “solamente” di 125 milioni di dollari nell’anno che si è appena concluso, rispetto ai 136 milioni dell’anno scorso. Approfondiamo insieme la questione.

 

Apple taglia lo stipendio di Tim Cook

Come è capitato di spiegare qualche tempo fa, lo stipendio di Tim Cook è composto da tre elementi ben precisi: 3 milioni di dollari di stipendio, 7.7 milioni di bonus e 900 mila di benefici accessori. A questi si aggiungono ovviamente i 135 milioni di dollari in azioni Apple. Al momento della sua nomina, nel 2011, il Consiglio Di Amministrazione dell’azienda ha riconosciuto a Cook un bonus annuale sulla base della produttività dei titoli in borsa ed il raggiungimento di alcuni obiettivi.

Sono stati quest’ultimi due fattori che hanno contribuito al calo del suo stipendio nel 2019. L’andamento del titolo nei listini ha pesato anche sui compensi del CFO italiano, Luca Maestri, sul responsabile per le operazioni Jeff Williams e sul consigliere generale Kate Adams, per cui il bonus è passato da 4 a 2.6 milioni di dollari.

Stiamo ovviamente parlando di cifre esorbitanti, che un cristiano medio fatica a guadagnare in un’intera vita. Stiamo però parlando anche di persone che riescono a mandare avanti un’azienda con la loro inventiva, il loro intelletto e ovviamente, la loro esperienza. Bando alle ciance, dopo aver scoperto lo stipendio del boss Cook, siamo tutti curiosi di sapere qualche novità in più sui dispositivi che l’azienda della Mela Morsicata ha intenzione di lanciare nel mese di settembre 2020. Purtroppo però mancano ancora molti mesi e, dobbiamo accontentarci delle indiscrezioni.