canone-rai

Come c’era da aspettarsi, l’arrivo del 2020 non ha frenato i Cyber criminali che, da ormai diversi mesi, continuano ad attaccare quotidianamente centinaia e centinaia di consumatori Italiani. Nelle ultime settimane, però, i truffatori del web hanno spostato tutto il loro operato sul tanto discusso canone Rai.

Dopo aver tormentato per mesi gli utenti attraverso i finti operatori telefonici, gli hacker che si aggirano nel mondo online hanno iniziato a puntare il canone emesso dall’ente televisivo Rai. Principalmente la tecnica più utilizzata per raggirare gli utenti è quella del phishing. Attraverso questo tipo di truffa, infatti, ogni giorno i truffatori mietono centinaia e centinaia di vittime.

Rimborso Canone Rai: una mail fittizia truffa gli Italiani

Come ribadito precedentemente, quindi, ad oggi le prede più ambite dagli Hacker sono gli utenti che si sono schierati contro il canone Rai. Questi ultimi, infatti, ogni giorno si ritrovano con la propria mail intasata da decine di messaggi relativi ad un ipotetica abolizione del canone televisivo. Attraverso queste mail fittizie i truffatori fingono di contattare l’utente per conto di Rai stessa informando questi ultimi che, attraverso una procedura semplice e gratuita, è possibile richiedere il rimborso totale del costo del canone.

Ovviamente nulla di quello che c’è scritto all’interno del messaggio è vero. Si tratta infatti di un classico attacco phishing attraverso il quale i truffatori cercano di convincere gli utenti a cliccare sul link presente all’interno della mail. Per ottenere il rimborso, quindi, i Cyber criminali chiedono agli utenti di compilare un form con i propri dati bancari. Una volta completato, però, le informazioni inserite arrivano direttamente nelle mani dei truffatori che, nel giro di pochi secondo, prosciugano l’intro conto corrente della vittima colpita.