L’intelligenza artificiale può migliorare la rilevazione del cancro al seno.

Almeno, il modello di Google può.

Descritto in un articolo pubblicato dalla rivista Nature , l’IA ha notato il cancro al seno nello screening delle mammografie con maggiore precisione, meno falsi positivi e meno falsi negativi rispetto agli esperti umani.

Questo pone le basi per applicazioni future in cui il modello potrebbe potenzialmente supportare i radiologi che eseguono screening del carcinoma mammario“, ha scritto il capo tecnico di Google Health Shravya Shetty e il product manager Daniel Tse in un annuncio sul blog.

Creata in collaborazione con DeepMind, Cancer Research UK Imperial Centre, Northwestern University e Royal Surrey County Hospital, la macchina è stata addestrata su mammografie non identificate da oltre 91.000 donne negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

Se messo alla prova su un set di dati separato di oltre 28.000 donne, ha prodotto una riduzione del 6,9% di falsi positivi e una riduzione del 12,1% di falsi negativi.

Volevamo anche vedere se il modello potesse generalizzare ad altri sistemi sanitari“, hanno spiegato Tse e Shetty.

Quindi, il team ha addestrato il proprio sistema solo sui dati delle donne nel Regno Unito, quindi ha valutato i dati delle donne negli Stati Uniti. L’esperimento ha prodotto una riduzione del 3,5% in falsi positivi e una riduzione dell’8,1% in falsi negativi.

Ciò mostra il “potenziale di generalizzare il programma a nuove impostazioni cliniche, pur continuando a funzionare a un livello superiore rispetto agli esperti”, secondo Google.

 

L’algoritmo di Google ha una sensazionale precisione

È ancora più impressionante quando ti rendi conto che l’algoritmo funzionava con meno informazioni rispetto ai medici umani.

Nonostante abbia lavorato solo con queste immagini a raggi X, il modello ha superato i singoli esperti nell’accuratezza nell’identificazione del carcinoma mammario“, ha affermato il blog.

Prima che l’IA possa iniziare a salvare vite umane, tuttavia, ci sono più hoopers da saltare, tra cui ricerca aggiuntiva, studi clinici e approvazione normativa.

Questo lavoro è l’ultimo filone della nostra ricerca che si occupa di individuare e diagnosticare il cancro al seno“, hanno detto Shetty e Tse. “Non solo nell’ambito della radiologia, ma anche patologia“.

Nel 2017, Google ha pubblicato i primi risultati riguardanti l’accurata rilevazione del carcinoma mammario metastatico da campioni di linfonodi. Un anno dopo, ha introdotto un algoritmo che può aiutare i medici a individuare il cancro al seno in modo più rapido e preciso nelle diapositive patologiche.