fortnite-evento-capodanno-download-pc-playstation-xbox-vbucks--700x400

Nel settore dei videogiochi di successo, pochi franchising crescono abbastanza grandi da diventare nomi familiari e ancora meno possono rimanere abbastanza popolari da sopravvivere più di qualche anno. “Fortnite”, tuttavia, ha già superato entrambe le pietre miliari per diventare uno dei videogiochi più influenti della storia.

Lo sparatutto sandbox creato da Epic Games, con sede nella Carolina del Nord, ha portato oltre 250 milioni di giocatori registrati e secondo come riferito ha generato non meno di  2,4 miliardi nel 2018. “Fortnite” è totalmente gratuito, ma i giocatori spendono miliardi per microtransazioni in-game e altri premi.

A parte forse “Pokémon Go” o “Minecraft”, pochi giochi recenti sono riusciti a raggiungere il livello di della cultura pop di cui “Fortnite” ha goduto negli ultimi due anni. Un famoso giocatore è arrivato addirittura sulla copertina di ESPN The Magazine e l’elenco “Time’s” delle 100 persone più influenti. Musicisti e attori si sono filmati mentre ci giocavano, e ha avuto persino un cameo in “Avengers: Endgame”, il film più grande di tutti i tempi.

 

Sempre nuove sfide ed obiettivi

“Fortnite” è di per sé un’entità vivente che cambia per i capricci dei suoi creatori ed è costruita per soddisfare i gusti del suo pubblico incredibilmente vasto. La capacità di Epic Games di comprendere e adattarsi a quell’enorme pubblico è a dir poco impressionante, e la società lavora con un ecosistema di giocatori professionisti per mantenere il gioco all’avanguardia.

L’amministratore delegato di Epic Games, Tim Sweeney, ha affermato che il successo di “Fortnite” ha aiutato la compagnia a ottenere “grandi successi in economia”. La società ha spinto i giganti del settore come Sony a cambiare le loro tattiche e ha persino lanciato il proprio negozio digitale per ridefinire il modo in cui gli editori di videogiochi negoziano le tasse con i mercati online.