sim

Tantissimi consumatori con attiva una scheda telefonica Tim, Vodafone, Wind e 3 Italia continuano ad essere in pericolo per via del nuovo attacco ideato da diversi hacker: clonare la SIM telefonica. Purtroppo, il nuovo attacco esiste realmente e ha già colpito innumerevoli vittime che hanno immediatamente divulgato la notizia per avvisare tutti gli altri utenti.

Clonare una SIM telefonica: ecco cosa rischiano i clienti Tim, Vodafone, Wind e 3 Italia

Gli hacker sono riusciti ad ideare un nuovo metodo per impossessarsi delle informazioni personali delle loro vittime: clonare la loro SIM telefonica. Sicuramente non si tratta di un metodo facile perché occorre molto pazienza, tempo e attrezzature particolari.

Gli hacker iniziano la procedura denunciando lo smarrimento della sim telefonica della vittima così da riceverne una nuova; la procedura prevede la compilazione di diversi moduli con le informazioni della vittima, proprio per questo motivo gli hacker procurano prima di iniziare la procedura determinate informazioni come per esempio: documento di identità, codice fiscale, il documento della patente di guida e via dicendo.

Una volta terminata questa procedura, gli hacker aspettano la conferma di tutti i dati personali così da richiedere una nuova scheda telefonica (con lo stesso numero e a nome della vittima) direttamente all’indirizzo da lui inserito. Una volta in possesso, può effettuare innumerevoli operazioni come per esempio: richiede alla Banca della vittima delle nuove credenziali per accedere al conto corrente online.

Si tratta di un attacco molto pericoloso e non c’è un metodo ben preciso per difendersi, se non prestare molta attenzione e avvertire immediatamente la Polizia Postale e il proprio gestore telefonico quando la propria scheda telefonica non risponde.