Gli esopianeti sono come le erbacce interstellari – non appena ne identifichi uno, altri tre compaiono altrove.

Quindi, con un elenco crescente di sfere extrasolari di cui tenere traccia, l’Unione Astronomica Internazionale (IAU) si è recentemente rivolta al pubblico per un aiuto per nominarle .

Il progetto NameExoWorlds ha raccolto suggerimenti da campagne nazionali in 112 paesi, attirando 360.000 proposte da oltre 780.000 persone.

Altri 420.000 hanno votato su una lista di candidati, scegliendone uno per rappresentare ciascun paese. L’elenco completo dei nomi approvati è disponibile online.

 

Esopianeti: il numero di scoperte è sempre in netto aumento

La prima possibile evidenza di un esopianeta fu notata nel 1917; la prima conferma del rilevamento è avvenuta nel 1992. A dicembre 2019, ci sono oltre 4.000 pianeti extrasolari verificati in oltre 3000 sistemi .

Il numero di scoperte continua a raddoppiare ogni 2,5 anni circa, rivelando straordinarie popolazioni di nuovi pianeti e mettendo in prospettiva il nostro sistema Terra e solare“, ha dichiarato Eric Mamajek, copresidente del comitato direttivo NameExoWorlds.

Mentre gli astronomi catalogano le loro nuove scoperte utilizzando designazioni simili a numeri di telefono“, ha continuato, “c’è stato un crescente interesse tra gli astronomi e il pubblico nello stesso modo di assegnare nomi propri, come avviene per i corpi del sistema solare“.

Con questo in mente, il progetto NameExoWorlds – parte delle celebrazioni per il centenario della IAU – è stato concepito in parte per riflettere come la Terra potesse essere percepita da una civiltà extraterrestre.

La campagna IAU100 NameExoWorlds ha offerto al pubblico l’opportunità entusiasmante di aiutare a nominare oltre 100 nuovi mondi e le loro star“, ha dichiarato il responsabile del progetto Eduardo Monfardini Penteado. “E per aiutare la IAU a stabilire un tema di denominazione ponderato per nominare le scoperte future in quei sistemi“.

Gli esopianeti – la maggior parte dei quali sono probabilmente grandi giganti gassosi – sono stati scoperti tramite il metodo di transito (in cui si osservano pianeti che passano davanti alla loro stella, bloccando una porzione di luce) o il metodo della velocità radiale (in cui la misurazione di una stella lo spettro rivela che oscilla sotto l’influenza della gravità dei suoi pianeti).

La stella designata di ogni nazione è visibile da quel paese, sufficientemente luminosa per essere osservata attraverso un piccolo telescopio.