La notte porta consiglio. Ma anche la ricarica al nostro telefono, per cui la mattina trovarlo al 100% permette di iniziare la giornata sicuramente più tranquilli. Ma ci sono alcune regole da seguire per non permettere che si vada a stressare batteria, diminuendo i suoi cicli d’uso.

Caricale lo smartphone di notte: quali sono i pericoli per la batteria

Sicuramente il desiderio di tutti è quello di mantenere in vita il cellulare il più a lungo possibile. Questo dipende moltissimo da come e quanto la batteria viene sottoposta ai cicli di ricarica, soprattuto in questi anni in cui essa è sotto la scocca che non è più rimovibile, il che rende il tutto ancora più difficile, in caso di deterioramento.

L’effetto memoria, non è solamente un’esclusiva nelle abitudini dell’uomo, ne soffrono anche gli smartphone, sopratutto la batteria, che se viene  sottoposta a cariche non adeguate finisce con non esser più capace di raggiungere il completamento.

Stranamente, il consiglio più dichiarato è quello di porte la batteria entro l’80% di carica in quanto, il raggiungimento della totalità pone forte stress alla batteria. Di notte ovviamente, non è possibile tenere sotto controllo tutto ciò, ma basta importare dal proprio telefono o con applicazioni apposte il limite, per cui una volta raggiunto essa cesserà di immettere energia.

E’ da sfatare un mito, non esiste il sovraccarico, perché quando la batteria raggiunge il 100% essa ha la capacità di interrompere il flusso di carica, proprio per evitare un calore eccessivo che può comportare seri pericoli si per se stessa che per l’utente che sempre più spesso tiene il telefono vicino a se quando dorme.