La scorsa settimana l’Agenzia spaziale europea ha lanciato una nuova missione per identificare i pianeti in orbita attorno a stelle diverse dal sole.

Dedicato allo studio di stelle luminose e vicine che sono già note per ospitare esopianeti, CHEOPS (CHaracterizing ExOPlanet Satellite) è decollato dalla Guyana francese il 18 dicembre.

 

ESA: lo studio degli scienziati verso la scoperta di altri pianeti

Questa è la prima missione dell’ESA dedicata allo studio dei pianeti extrasolari .

Per trovare altri mondi, gli scienziati devono cercare il transito, un fenomeno che si verifica quando un pianeta passa davanti alla sua stella, causando un calo della luminosità della stella.

Il primo pianeta trovato attorno a una stella simile al sole, 51 Pegasi b, fu annunciato nel 1955.I suoi scopritori, Didier Queloz e Michel Mayor, hanno condiviso il premio Nobel per la fisica 2019 per la loro scoperta.

Negli ultimi 25 anni, gli astronomi che usano i telescopi sulla Terra e nello spazio hanno scoperto 4.000 esopianeti attorno alle stelle vicine e lontane, la maggior parte delle quali non ha controparti nel nostro sistema solare, secondo l’ESA.

L’osservatorio spaziale Kepler della NASA ha utilizzato il metodo di transito per rilevare oltre 2.600 esopianeti confermati, la maggior parte delle stelle deboli in orbita distanti tra 300 e 3.000 anni luce. Il nuovo Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) dell’agenzia fa la stessa cosa da aprile 2018.

CHEOPS porterà la scienza degli esopianeti a un livello completamente nuovo“, ha affermato Günther Hasinger, direttore scientifico dell’ESA.

La missione non si concentrerà sulla ricerca di nuovi pianeti, ma seguirà invece le centinaia che sono già state scoperte, nel tentativo di misurare le loro dimensioni con precisione e accuratezza “senza precedenti”.