DVBT2

Dal prossimo anno, ormai, i consumatori Italiani potranno finalmente accedere al nuovo mondo ultra veloce offerto dal 5G, alla nuova rete Wi-Fi gratuita e, inoltre, potranno usufruire di nuove forme di intelligenza artificiale

La novità più importante, però, riguarda ovviamente il 5G. Dal punto di vista tecnologico, infatti, questo nuovo standard di rete mobile permetterà agli utenti di navigare a velocità estreme e di avvicinarsi a tecnologie futuristiche come ad esempio l’Internet of Things che, a tutti gli effetti, rappresenta un mondo a completamente nuovo per tutti gli Italiani. 

Ovviamente non sarà tutto rosa e fiori e, anche in questo caso, l’arrivo del 5G comporterà delle conseguenze. A partire dal prossimo anno, infatti, ogni Italiano dovrà adattarsi obbligatoriamente al nuovo standard per il digitale terrestre, il che significa che per continuare a fruire dei canali televisivi offerti da Rai e Mediaset, bisognerà obbligatoriamente effettuare il passaggio al DVBT2. Scopriamo di seguito maggiori dettagli a riguardo 

DVBT2: ecco cosa cambia dal prossimo anno

A partire dal prossimo anno, quindi, la nuova rete 5G offerta dagli operatori telefonici Tim, Wind, Tre e Vodafone dovrà necessariamente occupare le attuali frequenze del digitale terrestre. Per questo motivo, quindi, tutti gli Italiani dovranno iniziare migrare verso il nuovo standard televisivo DVBT2.

Le possibili situazioni a cui si andrà in contro, sono quindi queste due:

  • se il proprio TV o Decoder è stato prodotto in seguito al 2017 sarà sufficiente effettuare una semplice risintonizzazione dei canali;
  • se il dispositivo è stato prodotto prima del 2017 si avranno due opzioni: acquistare un semplice decoder DVBT2 da affiancare alla propria TV o acquistare direttamente un nuovo Televisore.