tim babypad

Da quando la normativa che chiarisce i metodi di costruzione dei dispositivi anti abbandono è diventata realtà, il mondo dei genitori si è diviso tra chi corre ad accaparrarsi il primo device conforme agli standard e chi aspetta rischiando la multa. Quindi, se avete atteso con pazienza e un pizzico di follia per trovare il dispositivo giusto, dopo Vodafone anche TIM lancia il suo BabyPad per aiutare i genitori a non prendersi un bello spavento.

Questo device è omologato a norma di legge e conforme al Decreto Ministeriale 122/2019, dotato di sensori e un GPS in grado di avvertire immediatamente il genitore nel caso si sia allontanato dall’auto con il figlio ancora sul seggiolino. Basterà posizionarlo sulla seduta facendovi passare la cintura di sicurezza attraverso di esso e il gioco è fatto.

 

TIM: novità incredibile dedicata completamente a bambini e genitori

Il cuscino anti abbandono BabyPad ha una batteria che potrà essere sostituita, e lavora in sinergia con il proprio smartphone tramite l’app dedicata disponibile per Android e iOs. Il Pad potrà essere associato a diversi telefoni, ma la gestione degli allarmi provenienti dal cuscino sarà affidata allo smartphone designato come “primario”.

In caso di abbandono, ovvero se il conducente scende dall’auto senza il bambino, il dispositivo emetterà un primo allarme, alla cui non risposta seguirà automaticamente l’invio di SMS ai numeri associati dall’utente contenenti le coordinate GPS del bambino. Si spera che così tutti possano intervenire evitando così esiti drammatici.

Tim BabyPad è disponibile da oggi in tutti gli store dell’operatore o sullo store online al prezzo lancio di 59,90 euro. L’unica premessa per il corretto funzionamento sarà avere lo smartphone sempre acceso, credito sulla SIM sufficiente e la localizzazione GPS sempre attiva.