UniCredit, BNL e San Paolo sotto attacco ma ora le banche difendono i clienti

Sono davvero tante le banche che in Italia tutti i giorni si impegnano molto per difendere la clientela senza lasciare che qualcuno possa perdere i propri risparmi. Ovviamente il problema è che da diverso tempo i nomi più importanti sono stati presi di mira, proprio come adesso empio UniCredit, BNL o Intesa Sanpaolo. 

Questa realtà infatti spesso e volentieri si trovano a fronteggiare problematiche davvero molto difficili da debellare. Durante l’ultimo periodo natalizio sono arrivate diverse voci riguardo a strani messaggi che circolerebbero nelle varie chat o magari sui social. Anche tramite e-mail sono ritornata e dunque le truffe, le quali attuano tattiche davvero difficili da smascherare. I tentativi di phishing sono quindi di nuovo attivi, pronti a prendere di sorpresa tutti gli utenti magari più ingenui.

 

Phishing: i nuovi messaggi arrivano a truffare tutti gli utenti delle prime banche in Italia, come ad esempio UniCredit, BNL e Intesa Sanpaolo

Paolo Frizzi, CEO di Libraesva attualmente sostiene che gli attacchi violano la sicurezza di ogni database che contenga dati sensibili come ad esempio informazioni di nomi o magari e-mail e numeri di telefono. Proprio per questo bisogna stare attenti al phishing. Ecco le sue dichiarazioni:

“E’ sicuramente lecito aspettarsi adesso, come ovvia conseguenza del data-leak, un attacco che sfrutta proprio i dati personali sottratti, perpetrato a mezzo email tramite specifiche campagne di email phishing volte a far sì che gli attaccanti possano completare il quadro dei dati personali raccolti con il primo data leaks, rivendendoli poi nel dark web per altri fini poco onorevoli.”