Aumenti operatori telefonici a partire dal 2020: le ultime novità

Le compagnie telefoniche spesso attuano dei piani poco onesti nei confronti degli utenti per svuotar loro il credito residuo. Di fatto, sempre più clienti lamentano una politica aziendale nei loro confronti non chiara e limpida, e questo ha già portato l’AGCOM ha multare diversi gestori nel corso degli ultimi anni.

Proprio di recente infatti, Vodafone e Wind sono state multate dal noto servizio che si attiva in difesa dei consumatori finali. Al di là dell’ultima critica per il WinPack dei due provider, le truffe che gli operatori realizzano sono spesso realizzate insieme a delle società terze o insieme ai call center, e prevedono fra tutti i vari metodi, quello dell’attivazione dei VAS per svuotare il credito residuo.

I VAS che si attivano con le manovre poco lecite da parte delle compagnie telefoniche

Attraverso dei metodi particolari le compagnie telefoniche riescono ad attuare dei piani non del tutto onesti per rubare i soldi che gli utenti ripongono nel credito virtuale della loro sim. I clienti malcapitati, stanchi di questa truffa, segnalano il tutto alle autorità, ma molti non sanno che esiste un semplice modo per farsi rimborsare.

Anzitutto cosa è un VAS? Stiamo parlando di un abbonamento a servizi non richiesti come possono essere le rubriche hot, quelle sugli astri, sull’oroscopo o altro ancora; si attivano con un click in una parte della pagina sbagliata e costano più di 5,99 euro alla settimana. 

Per eliminarli, vi basterà chiamare il numero verde o il numero di riferimento del vostro gestore di telefonia e chiedere il rimborso immediato a seguito di presentazione dell’istanza di truffa. Si potrà chiedere poi il blocco totale di tutti i simili VAS anche per il futuro, e le compagnie sono obbligate ad assicurarvelo.