conti correnti addio chiavette token

Nuovi tentativi di truffe sono attualmente in divulgazione attraverso la posta elettronica degli utenti italiani. Questa volta, i cybercriminali non hanno avuto ritegno ed hanno deciso di inviare numerose email phishing senza neanche curarsi di verificare se una persona sia effettivamente conto correntista presso un istituto bancario o meno. Come sempre, i nomi sfruttati per tali truffe sono quelli delle banche più conosciute e popolari di Italia ossia BNL, Intesa Sanpaolo, UniCredit. Scopriamo di seguito come avvengono queste truffe e soprattutto come stare attenti.

BNL, Unicredit e Intesa Sanpaolo assaltate dai tentativi di phishing

Le email ricevute negli ultimi giorni da diverse persone vedono particolarmente protagonista BNL o, per meglio dire, dei cybercriminali che fingono di essere parte dell’organico di questo Istituto bancario.

Diversamente dalle altre volte, il tentativo di phishing in questo caso punta la sua importanza sulla tutela dei dati personali appartenenti ad ogni conto correntista. Citando persino la nuova regolamentazione Europea, i cyber criminali si sono impegnati particolarmente per cercare di illudere adeguatamente le loro vittime.

Nel corpo della mail si legge: “Abbiamo migliorato la nostra Informativa sulla privacy in modo che sia più dettagliata e specifica, e permetta di capire facilmente come trattiamo i dati personali.”. Per sottolineare i cambiamenti avvenuti, inoltre, il tentativo di phishing riporta persino due volte un collegamento diretto ad una pagina copia di BNL per stimolare le vittime ad effettuare il login.

Come sempre, i consigli per rimanere illesi da queste truffe sono due e sono molto semplici da tenere a mente:

  1. controllare sempre tutti i dettagli prima di aprire un link e di ritenere una email valida;
  2. Non fornire mai propri dati personali a cuor leggero.